l’Asta con Sotheby’s

Avv. Annapaola Tonelli

Asta arte contemporanea

Un facoltoso imprenditore, già da tempo cliente dello studio, noto per i suoi innumerevoli interessi, fra i quali una serie di donazioni a beneficio della città per il restauro di luoghi o monumenti pubblici, decide di vendere in blocco la sua collezione d’arte contemporanea (quadri e sculture) composta da alcuni dei nomi più illustri del panorama internazionale.

Per un collezionista, la decisione di vendere ciò che ha pazientemente raccolto, cercato e trovato in una vita intera, non è una scelta facile; anzi spesso è molto dolorosa. Proprio per questo, una volta presa, il collezionista decide sempre la vendita in blocco perché sarebbe ancora più doloroso vedere che alcuni pezzi, invece di altri, tornano indietro. E’ un po’ come un sofferto distacco sentimentale: se deve essere, che sia del tutto.

Se da un canto le case d’aste più importanti si erano tutte dimostrate estremamente interessate a tenere l’asta del nostro cliente, per contro nessuna di essa si dichiarava disposta a comperare al prezzo base d’asta i pezzi che avrebbero potuto risultare invenduti. La sola che si era dichiarata disponibile, una casa d’aste di New York, non forniva adeguate garanzie.

Dopo una lunga negoziazione, la Sotheby’s di Milano ha acconsentito alla sottoscrizione di un contratto dove si impegnava all’acquisto anche delle opere eventualmente invendute, con buona pace del collezionista. Ancora più di soddisfazione si è avuta poi alla fine dell’asta quando il battitore, indossando i guanti bianchi, ha così comunicato al pubblico di aver venduto tutti i lotti.

Asta arte contemporaneaSotheby’s - VTN
Asta arte contemporanea con Sotheby’s - VTN
Asta con Sotheby’s - VTN

Altri Progetti

ENTI PUBBLICI, FONDAZIONI PRIVATE E CROWDFUNDING

La difesa processuale del trust: una sfida delicata

IL TRUST PER CHIUDERE IL CONCORDATO LA PERLA IN LIQUIDAZIONE SRL